logo marel
 




Serie di cross-over elettronici Hi Fi multivia, a valvole e stato solido


Per accedere alle varie sezioni del sito utilizzare il menu sottostante.
 
Menu





Il lavoro di questi crossover attivi, indipendentemente dalla tecnologia costruttiva permette il collegamento diretto degli altoparlanti all'amplificatore relativo.
Venendo meno la necessità di crossover passivi, il circuito di reazione negativa dell'amplificatore, può agire con precisione, mancando "l'inganno" dovuto ai ritardi e agli sfasamenti imposti da questi circuiti, con risultati ottimali.
Naturalmente occorre considerare i limiti fisici di funzionamento degli SPK, per esempio: non è possibile il funzionamento di un woofer da 20 cm a 4 KHz, la lunghezza d'onda acustica di questa frequenza, essendo di molto inferiore al diametro del cono, darà luogo a fastidiose focalizzazioni dovute alle onde stazionarie acustiche generate, ma del resto non potrà neanche funzionare regolarmente a 40 Hz dato che il suo cono è troppo piccolo per il necessario carico sull'aria, andando fuori controllo.
Se la cassa è a due vie, inutile tentare di risolvere, si migliorerà forse, ma la coperta resterà sempre corta, in questo caso, suggerirei l'impiego di un subwoofer di qualità o di una coppia di bass reflex, utilizzando i moduli HEC1H e HEC1S.
La pendenza dei filtri di questi crossover è 12 dB ottava, quindi le uscite sono sfasate di 180°.




HEC1V

HEC1V, monta solo triodi, non impiega reazione negativa totale ed è impiegabile in impianti di qualità elevata, è dotato di un timer di circa tre minuti, che ne inibisce il funzionamento fino al raggiungimento della corretta temperatura dei catodi, maggiori informazione si trovano nella pagina degli assemblati Marel.




Caratteristiche HEC1V


HEC1V Stereo.




HEC1H

HEC1H è un filtro programmabile passa alto stereo.
Può essere utilizzato in coppia con il passa basso HEC1S, oppure singolarmente per evitare di pilotare piccole casse acustiche con frequenze troppo basse per la loro incolumità.

La precisa impostazione della frequenza di taglio in passi di 10 Hz è ottenuta tramite preselettori, soluzione che permette un settaggio preciso, ripetibile, stabile nel tempo e privo di rumore, volendo portare a pannello questo settaggio, occorre munirsi di un quadruplo commutatore a 4 bit o di due doppi sempre a quattro bit, dopo aver messo a zero i preselettori sul c.s., collegare pin to pin i terminali del commutatore aggiunto, se si desidera una regolazione continua, i preselettori possono essere sostituiti da un potenziometro di qualità, quadruplo o da due doppi collegati in modo da ottenere quattro resistenze variabili separate, a cui è necessario aggiungere in serie quattro resistenze da 12 KΩ, raccomando di moderare la lunghezza dei collegamenti.

L'uscita a bassa impedenza può essere selezionata tramite selettore con fase normale, invertita o bilanciata, la massima tensione di uscita risulta legata all'alimentazione duale di 15 V, la massima possibile, tuttavia non disponendo di queste tensioni, è possibile alimentare il modulo con tensioni inferiori fino ad un minimo di 9 V, ciò comporterà una proporzionale riduzione della massima tensione di ingresso e di uscita, mentre gli altri parametri resteranno costanti.
 
Attenzione: prima di modificare l'impostazione dei selettori che governano la frequenza di taglio del modulo, spegnete l'impianto o quantomeno l'amplificatore pilotato dal modulo, in ogni caso: qualsiasi settaggio venga impostato su un selettore, questo deve essere ripetuto esattamente anche negli altri, impostazioni diverse tra i preselettori modificano il Q del filtro e possono in condizioni particolari indurre auto oscillazioni, con generazione di segnali in uscita potenzialmente distruttivi per gli altoparlanti e per i finali, per cui: solo dopo aver controllato il corretto settaggio, riaccendere l'impianto, si può evitare questa procedura, montando un doppio interruttore con funzione di mute durante il settaggio, utile anche durante l'assestamento iniziale del modulo all'accensione, (fare attenzione).


Caratteristiche HEC1H 




Crossover elettronico HEC1H




HEC1S

Filtro attivo programmabile per subwoofer, bass reflex.
Ideale per il preciso inserimento nell'impianto di una cassa di rinforzo dei bassi, accetta tramite attenuazione l'uscita del finale oppure direttamente l'uscita del preamplificatore linea, in questo caso al fine di evitare la benché minima diafonia tra i canali, gli ingressi del modulo sono completamente separati tra loro e ad alta impedenza, quindi possono essere collegati anche a un preamplificatore a valvole vetusto con uscita di anodo.
I due canali risultano ridotti di 6 dB, essendo però sommati all'interno del modulo, viene ripristinato in uscita il corretto guadagno, impiegando un solo ingresso, la sensibilità risulterà ridotta di 6 dB, inoltre un trimmer permette la regolazione fine del livello di uscita, volendo sostituibile da un potenziometro di qualità da 10 KΩ montato a pannello.

La frequenza di taglio settabile in passi da 10 Hz è ottenuta tramite preselettori, questa soluzione fa sì che il settaggio sia preciso, ripetibile, stabile e privo di rumore, volendo portare a pannello il settaggio della frequenza occorre munirsi di un doppio commutatore a 4 bit e dopo aver azzerato i preselettori interni, collegare pin to pin i terminali del commutatore aggiunto, se si desidera una regolazione continua, i preselettori possono essere sostituiti da un potenziometro doppio di qualità, da connettere in sostituzione delle resistenze presenti sul c.s., aggiungendo in serie in serie due resistenze da 12 KΩ, raccomando di moderare la lunghezza dei collegamenti.

Sul modulo è presente un filtro passa alto da 20 Hz inseribile a piacimento tramite apposito selettore, perfettamente trasparente alla banda audio, il suo compito è limitare il transito di frequenze molto basse, potenzialmente pericolose per gli altoparlanti in relazione alla potenza impiegata.

L'uscita a bassa impedenza può essere selezionata tramite selettore con fase normale o invertita, utilizzandole entrambe si potrà pilotare un finale con ingresso bilanciato, la massima tensione di uscita è limitata dall'alimentazione duale da 15 V, la massima possibile, non disponendo di queste tensioni, il modulo può funzionare con una qualsiasi tensione duale fino ad un minimo di 9 V, ciò comporterà solo una proporzionale riduzione della massima tensione di ingresso e di conseguenza di uscita, mentre gli altri parametri resteranno costanti.

Attenzione: prima di modificare i selettori che governano la frequenza di taglio del modulo, spegnete l'impianto o quantomeno l'amplificatore pilotato dal modulo, in ogni caso: impostare correttamente il settaggio, indebite impostazioni possono produrre auto-oscillazioni del filtro, con generazione di segnali molto elevati in uscita potenzialmente distruttivi sia per gli altoparlanti sia per il finale, per cui: solo dopo aver controllato il corretto settaggio, riaccendere l'impianto, oppure montare un doppio interruttore in funzione di mute durante il settaggio, utile anche durante l'assestamento iniziale del modulo all'accensione, (fare attenzione).


Caratteristiche HEC1S





Crossover elettronico HEC1S





HEC1

Cross over elettronico a due vie, in versione stereo.
Adatto a sistemi multi-amplificati, per separare la gamma audio in due gamme.
Il modello dei filtri adottati fa' sì che alla frequenza d'incrocio una via risulterà sfasata con segno inverso alla via confinante, con riferimento ad amplificatori con uguale fase di uscita del segnale, in questo senso anche la distanza tra i due altoparlanti è importante, conviene agire per tentativi, ascoltando.
 


Caratteristiche HEC1



Crossover elettronico HEC1






HEC2

Adatto a sistemi multi-amplificati a tre vie, le frequenze di taglio di queste sotto gamme, devono essere richieste al momento dell'ordine.
Il modello dei filtri adottati fa' sì che alle frequenze d'incrocio una via risulterà sfasata con segno inverso alla via confinante, con riferimento ad amplificatori con uguale comportamento di fase del segnale di uscita, la via media avrà l'altoparlante invertito, l'ascolto comunque determinerà il giusto collegamento.
 


Caratteristiche HEC2


HEC2




HEC3

Cross over elettronico a quattro vie, le frequenze di taglio devono essere richieste al momento dell'ordine.

Le vie necessarie ad una cassa acustica completa e performante per ogni genere di ascolto, dovrebbero essere almeno tre + 1/2, ovviamente il mezzo non esiste, ma ci si può arrangiare con quattro altoparlanti, soluzione questa non facilmente percorribile se non si ha un a buona conoscenza dei filtri passa banda di tipo passivo, già inserirne uno richiede attenzione, figurarsi due confinanti, le solite formule non sono adatte, funzionano bene solo sulla carta e con resistenze di carico pure, con gli altoparlanti, molto diversi dalle resistenze, viene richiesta un'opera di aggiustaggio non semplice, per le interazioni tra i vari componenti dei filtri.

Qui sta la ragione di questo crossover a quattro vie, che può risolvere il problema senza difficoltà, dato che i filtri sono tra loro isolati e entro certi limiti li si può settare come si vuole.

Naturalmente gli altoparlanti dovranno essere adatti alla gamma gamma di competenza, per esempio non è possibile riprodurre al meglio un basso tuba su un diametro di 20 cm perché troppo piccolo e neanche un ottavino con un tweeter da 50 mm perché troppo grande, più adatti sarebbero un 19 mm, un nastro di piccole dimensioni, o meglio ancora un tweeter a foglia.

Con i filtri adottati e amplificatori con la stessa fase di uscita del segnale, occorrerà invertire alternativamente gli altoparlanti, verificando all'ascolto il risultato nelle zone s'incrocio.




Caratteristiche:








HEC3